Arte

...Poghetin u monta su u figo.dopo pògo passa soto u figo n'lovo...

FOA DE POGHETIN (Brano dialettale bracellese)

Del 22 Dicembre 09

POGHETIN

 

Alla breve storia che segue è una di quelle che i nostri vecchi raccontavano la
sera davanti al fococolare ai bambini e che ancora oggi qualche adulto
ricorda.
Poichè tali racconti si sono tramandati oralmente e perciò non esistono
scritti, molte volte la stessa storia raccontata in altri paesi poteva 
subire delle modifiche.
Queste " foe " erano raccontate esclusivamente in dialetto, il nostro caro
dialetto , quella  " parlata particolore che distiungue ogni paese e che oggi i
giovani non conoscono più.
Io ho provato a riscriverla in dialetto, ma ho trovato molte difficoltà 
proprio nella scrittura dei segni e dei suoni, perciò se qualcuno leggendola
troverà degli errori può, se vuole segnalarli per poterli correggere
Lina Righetti

 

Gh'ia na vota n' fante furbo e sverto ku se ciama Poghetin.N'giorno, l'ia verso a fin de setembre,ghe vien n'mente d'andase a faa na mangìada de fighi negri dau picoleto storto. U china n'te l'orto da nona n'ta Campanela e u monta su u figo.Dopo pògo passa soto u figo n'lovo ke u veda Poghetin e u pensa de mangiaselo.Sensa perde tempo u serka come faa:a sola kosa bela da faa la ghe pà quela de falo balukaa da u figo.Poi u disa:"Poghetin te mu daesi n'figo con a tò manina?" "No ,perché te me mangi" "No,a ne te mangio davèo,davèo a ne te mangio".Poghetin aloa u staca n'figo dau picoleto storto,ma u ne creda a quelo che l'aveva ito u lovo e ù ghù cacia per tera.U figo u se spatrucia,aloa u gh'en cacia n'atro che però u va a fenì n'ta merda.A' fin Poghetin u pigia n'figo e u gù da con a man.U lovo, furbo, u tia sù Poghetin e n'fia n'tu saco e ù liga ben.U' su meta n'spala e u và a cà.Lungo a strade ghe scapa da cagà.U posa u saco e u disa a Poghetin ku va a cagà."Va luntan,va luntan che se a sento a spusa a moo" u ghe gosa Poghetin.U lovo u va luntan e Poghetin che l'ìa birbo n'ta staca u g'aveva n'cotelin:ù tia foa e u tagia u sako, u sorta foa e u empia u sako de ciapon e u se loga darè a n'arbeo.Quando l'ha finì,u lovo u torna a pigiaa u sacco, u su carga su'n te spale e u disa:"Come te pesi Poghetin,mah forse saà che a g'ho a pansa voita" e u se n'indirisa verso cà.Poghetin lesto,lesto sensa fasse sentì u ghe và darè.Man man che u s'avesina aa sò cà u lovo, per fasse sentii da tutti o comensa a sbragiaa en italian"Moiera, me moiera metti al fuoco la caldera che ho pigiato Poghetin, moiera me moiera metti al fuoco la caldera che ho pigiato Poghetin.A mogee la u senta,la pigia u paoo ciù groso,la u tacca aa cadena du fosigiao e la ghe fa en belo fogo sotto.Ariva a cà u lovo u fa e scae de corsa.Intatnto Poghetin l'ia montà su u tecio e u stava a vede dau camin,Apena en cusina u lovo u pigia u saco e u reversa e'n tu paoo,oh madonna! e sortan solo di ciapon che i fan sortii l'aigua bogida che la scotta u lovo e sò mogee che tra forti lamenti i maan brusà.Poghetin da u tecio u comensa a ride e u rida anca adesso.