Arte

Canzone di Roberto Vecchioni

Del 26 Febbraio 11

 E per la barca che è volata in cielo

che i bimbi ancora stavano a giocare

che gli avrei regalato il mare intero

pur di vedermeli arrivare

 

Per il poeta che non può cantare

per l'operaio che non ha più il suo lavoro

per chi ha vent'anni e se ne sta a morire

in un deserto come in un porcile

e per tutti i ragazzi e le ragazze

che difendono un libro,un libro vero

così belli a gridare nelle piazze

perché stanno uccidendo il pensiero

 

Per il bastardo che sta sempre al sole

per il vigliacco che nasconde il cuore

per la nostra memoria gettata al vento

da questi signori del dolore

 

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

Che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da qui

di musica e di parole

 

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

in questo disperato sogno

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

anche restasse un solo uomo

 

Chiamami ancora amore

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

 

perché le idee sono come farfalle

che non puoi toglierli le ali

perché le idee sono come le stelle

che non le spengono i temporali

perché le idee sono voci di madre

che credevano di avere perso

e sono come il sorriso di Dio

in questo sputo di universo

 

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

Che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da quì

di musica e parole

 

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

Continua a scrivere la vita

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

che è così vera in ogni uomo

 

Chiamami ancora amore

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

 

Che questa maledetta notte

dovrà pur finire

perché la riempiremo noi da qui

di musica e parole

 

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

in questo disperato sogno

tra il silenzio e il tuono

difendi questa umanità

anche restasse un solo uomo

 

Chiamami ancora amore

Chiamami ancora amore

Chiamami sempre amore

perché noi siamo amore

 

Anche Sanremo, spesso vetrina di tanta insulsaggine e vacuità, quest'anno ha avuto, per fortuna, un ruolo educativo, grazie alla significante canzone del bravo Vecchioni. La trascrivo integralmente in modo che tanti la possano leggere e meditare: sono l'informazione libera e la cultura che danno ossigeno a una vita vera. E se ci pensate sono proprio questi due valori che si cerca di soffocare, anche in Italia. Lo sanno bene quelli che detengono il potere. Nei paesi Africani, grazie all'informazione, i popoli si stanno ribellando alle dittature che li hanno tenuti per secoli sottomessi e ignoranti, e questo anche e forse soprattutto grazie a internet che veicola le idee e i concetti di libertà e giustizia sociale.